Soluzioni innovative per i comuni e il commercio locale

L’emergenza sanitaria sta colpendo duramente il commercio locale e di prossimità.

Per contrastare la crisi, numerosi comuni stanno promuovendo marketplace online per i negozi di quartiere ma nonostante la buona volontà degli amministratori locali temiamo che i risultati saranno deludenti.
In rete ci sono aziende che usano scienziati per convincere gli utenti a frequentare i propri siti. Qualche comunicato stampa e dei post sui social network non sono sufficienti a far decollare un marketplace locale.

Le tante iniziative che stiamo visionando hanno in comune una scarsa adesione dei commercianti, informazioni incomplete, pochi contenuti non aggiornati e quasi nessuna utilità.
La “customer experience” è negativa.
La ridotta partecipazione dei commercianti non ci sorprende: i pochi che sanno usare la rete sono già attivi e non hanno bisogno di uno scarno sito web locale, gli altri non hanno le competenze, la capacità o il tempo per usare un marketplace.

Stiamo ottenendo risultati positivi, reali, misurabili e stiamo dimostrando che si può affrontare una sfida apparentemente impossibile.